7 problemi vaginali e come gestirli

Con la salute non giochi. Ed è vero che la regione intima femminile richiede molta attenzione. Scarico, sanguinamento al di fuori del periodo mestruale, prurito sono alcuni dei problemi che possono occasionalmente verificarsi che ovviamente preoccupano le donne.

Di seguito è riportato un elenco di problemi vaginali e linee guida su come affrontarli:

1. Peli incarniti nella regione della vulva

Sergio Kobayashi, un ginecologo, ostetrico e specialista in medicina fetale presso Lavoisier Diagnostic Medicine, spiega che i peli incarniti nella vulva sono un problema relativamente comune e devono sempre essere esaminati attentamente. "I peli incarniti sono abbastanza comuni all'inguine ma possono verificarsi anche in altre regioni del corpo", afferma.


Il ginecologo spiega che i peli incarniti si verificano perché i peli crescono, si piegano e rimangono intrappolati nella pelle, causando un processo infiammatorio. La depilazione con lame o cera può essere un fattore predisponente, specialmente nelle persone dalla pelle nera, perché i loro capelli sono generalmente più spessi e arrotolati.

Il ginecologo Paula Bortolai, un medico del team IPGO, sottolinea che la regione della vulva è più spessa, più spessa e più grande del resto del corpo, che di per sé è un fattore predisponente.

Leggi anche: Candidosi: conoscere i tipi e sapere come trattare questa infezione


Spesso la depilazione può causare una crescita irregolare di questi peli, e al contrario, che impedisce la rottura della pelle. Questo follicolo forma una capsula attorno ad esso e si blocca. Come complicazione potrebbe esserci una colonizzazione da parte dei batteri e appare un'infezione secondaria: follicolite, diagnosticata attraverso la presenza di secrezione purulenta ?, aggiunge l'esperto.

Kobayashi sottolinea che qualsiasi lesione della regione genitale, diversa dal solito, dovrebbe essere esaminata dal ginecologo di fiducia, inclusa la diagnosi differenziale come alcune malattie sessualmente trasmissibili.

Come affrontare il problema

Di solito i peli incarniti vengono risolti ed eliminati spontaneamente. Tuttavia, Kobayashi sottolinea che per evitare o ridurre al minimo i peli incarniti nella regione genitale possono essere prese alcune semplici misure:


  • Evitare indumenti attillati o tessuti sintetici (preferire indumenti di cotone);
  • Prenditi cura della pulizia e dell'igiene della pelle (mantenendo la pelle sana);
  • Usa un metodo di depilazione più adatto al tuo tipo di pelle.

Paula evidenzia anche come misure di prevenzione:

  • Ridurre la frequenza di epilazione;
  • Evitare l'uso di creme depilatorie;
  • Se si utilizza il rasoio, preferire sempre le lame usa e getta e non riutilizzarle mai.

• Come trattamento, l'uso di impacchi caldi, rimozione meccanica con pinze o pinzette sterili ed esfoliazione giornaliera. In caso di infezione batterica, l'uso del trattamento antibiotico topico ?, aggiunge il ginecologo Paula.

Leggi anche: Scarico bruno: fai domande

2. Odore forte

Paula spiega che la vagina ha un? Sui generis? È più evidente dopo la pubertà e può variare a seconda delle fasi del ciclo mestruale e ha anche una secrezione fisiologica che è biancastra e fluida e aumenta vicino alle mestruazioni e durante l'ovulazione. "Non è normale avere un odore forte e sgradevole, questo dovrebbe sempre essere studiato da un ginecologo, in quanto potrebbe essere un'infezione", dice.

Il ginecologo sottolinea che ci sono fasi in cui le donne sono più inclini alle infezioni, soprattutto quando c'è vita sessuale attiva e climaterica, quando la secchezza vaginale rende la mucosa più sottile e più sensibile.

Kobayashi spiega che l'odore forte e sgradevole della vagina è solitamente dovuto a scarsa igiene o processi infettivi.

Come affrontare il problema

Paula sottolinea che qualsiasi odore vaginale deve essere studiato e il paziente deve essere esaminato da un ginecologo che valuterà se esiste qualche associazione con altri sintomi. In alcune situazioni, aggiunge il ginecologo, il partner dovrebbe anche essere studiato e trattato.

3. Scarico

Kobayashi spiega che lo scarico è un'anomalia nella quantità o nell'aspetto fisico del contenuto vaginale, che è esternalizzato dai genitali esterni. "Potrebbe essere un sintomo riferito dal paziente o appena identificato dal ginecologo", afferma.

Leggi anche: Scarica giallastra: Conosci le cause e i trattamenti

Secondo il ginecologo, le cause infettive più comuni di secrezione vaginale sono la vaginosi batterica, la candidosi vulvovaginale, la tricomoniasi, i gonococchi e l'infezione da clamidia. "Lo scarico accompagnato da un odore sgradevole e sgradevole può essere dovuto principalmente alla vaginosi batterica e alla tricomoniasi", afferma.

Come affrontare il problema

In caso di dimissione, è importante consultare il medico ginecologo. "Potrebbero esserci perdite dalla vaginosi batterica o dalla tricomoniasi, che richiedono un trattamento farmacologico", afferma Kobayashi.

4. Sanguinamento dal periodo mestruale

Paula spiega che il sanguinamento al di fuori del periodo mestruale non è normale e dovrebbe anche essere studiato. Possono avere cause ormonali (ovaie policistiche, uso contraccettivo) o cause anatomiche (polipi, fibromi, lesioni cervicali). Alcune donne possono presentare lievi sanguinamenti durante l'ovulazione, ma questa dovrebbe essere una diagnosi di esclusione dopo aver studiato tutte le cause?

Come affrontare il problema

Kobayashi sottolinea che il sanguinamento al di fuori del periodo mestruale dovrebbe essere valutato dal ginecologo, soprattutto se sono ricorrenti, intensi e accompagnati da altri sintomi. "Il sanguinamento può essere una manifestazione occasionale o cronica, essendo cronico o ricorrente il più importante per il ginecologo", spiega.

5. Prurito

Kobayashi sottolinea che la principale secrezione accompagnata da prurito è la candidosi vulvovaginale e la tricomoniasi.

Paula spiega che la Candida è un fungo che fa parte della normale flora vaginale che, in alcune situazioni, trova le condizioni per aumentarne il numero, come: calo dell'immunità, uso di antibiotici, vestiti ovattati che impediscono la circolazione e il diabete, tra gli altri.

Il ginecologo aggiunge anche che, in menopausa, l'atrofia vaginale può essere la causa del prurito vaginale.

Come affrontare il problema

Kobayashi sottolinea che le donne dovrebbero cercare un ginecologo per una guida sicura.

Paula aggiunge che se viene diagnosticata la candidosi, deve essere trattata. "E misure come indossare biancheria intima di cotone, dormire senza mutande e asciugare completamente l'area genitale aiutano a ridurre la ricorrenza", afferma il ginecologo.

6. Dolore

Kobayashi spiega che la disuria (bruciore o difficoltà a urinare) e la dispareunia (dolore durante il rapporto sessuale) possono avere cause diverse. La disuria può essere correlata principalmente a infezione del tratto urinario ma anche a uretrite (infiammazione dell'uretra), vulvovaginite (infiammazione della vulva e della vagina), vaginite atrofica, cistite interstiziale, irritazione dell'uretra da parte di sostanze (sapone, ammorbidente, profumi o medicine) e traumi alla regione pelvica. A volte possono coesistere disuria e dispareunia ?, dice.

Paula commenta che l'ipotesi principale per il dolore alla minzione è l'infezione del tratto urinario (UTI) e quindi un esame dovrebbe essere preso per confermare la diagnosi. "L'UTI può anche causare dolore nei rapporti", spiega.

Il ginecologo aggiunge che il dolore nei rapporti sessuali può essere dovuto a vari cambiamenti, dalla mancanza di lubrificazione, infezioni vaginali o uterine, costipazione cronica a malattie più gravi come l'endometriosi. "Tutti questi fattori dovrebbero essere studiati dal ginecologo", afferma.

Come affrontare il problema

Kobayashi sottolinea che in caso di minzione dolorosa o rapporti sessuali, la donna dovrebbe consultare il suo ginecologo.

Paula spiega che si deve affrontare specificamente la causa del problema. Molte donne dopo l'inizio della vita sessuale e quando fanno sesso spesso presentano infezioni ricorrenti del tratto urinario. Questo può essere prevenuto o ridotto con l'uso del preservativo, la pratica di svuotare la vescica dopo un rapporto sessuale e una rigorosa igiene locale, e talvolta la profilassi antibiotica e l'estratto di mirtillo rosso? Il ginecologo.

7. Urinare più spesso

Kobayashi spiega che il cambiamento nel modello urinario dovrebbe essere valutato e necessita di una valutazione medica. Questo problema può essere correlato a processi infettivi del tratto urinario e a malattie cliniche come il diabete.

Paula sottolinea che la prima causa da escludere è l'IVU (infezione del tratto urinario), che dovrebbe essere studiata. "Altri fattori come il diabete scompensato, la gravidanza, l'uso di diuretici e un aumento dell'assunzione di acqua possono essere le cause", ricorda.

Come affrontare il problema

È essenziale consultare un medico per valutare la situazione, scoprire la causa del problema e indicare il miglior trattamento.

Infine, è importante che la donna faccia regolari visite dal ginecologo per evitare qualsiasi tipo di problema e mantenere aggiornata la sua salute intima.

Hai notato questo strano “fenomeno” sull’inguine? Meglio agire subito. Cos’è | ULTIMI ARTICOLI (Ottobre 2020)


  • Prevenzione e trattamento
  • 1,230