Isterosalpingografia: questo test può aiutarti a rimanere incinta

Il nome è un po 'complicato, ma l'isterosalpingografia è ben nota in alcune donne, come spesso viene chiesto quando una donna sta conducendo ricerche per vedere se ha problemi a rimanere incinta.

Luiz Eduardo Albuquerque, direttore clinico di Fertivitro, ginecologo specializzato in riproduzione umana, spiega che l'isterosalpingografia è un esame radiografico del sistema riproduttivo femminile (utero e tuba). Viene eseguito mediante un'iniezione di contrasto attraverso il canale cervicale, che attirerà la cavità uterina e la parte interna dei tubi. L'obiettivo è valutare la morfologia degli organi, consentendo la diagnosi di lesioni interne della cavità uterina, come aderenze (sinechie), polipi o fibromi; o lesioni tubulari, come ostruzioni, dilatazioni o lesioni ?, dice.

Armindo Dias Teixeira, ginecologo specializzato in riproduzione assistita, videolaparoscopia ed endoscopia ginecologica, sottolinea che l'isterosalpingografia è indicata per diagnosticare cause di difficoltà a rimanere incinta, malformazioni dell'utero, cambiamenti nelle tube di Falloppio, aderenze, tumori della cavità uterina, tra gli altri casi.


Albuquerque sottolinea che questo test è indicato in tutte le donne quando la coppia viene sottoposta a screening per l'infertilità coniugale.

Come viene eseguita l'isterosalpingografia?

Il ginecologo Rogério A. Gomes, dell'ospedale siriano libanese, spiega che l'isterosalpingografia viene eseguita con una macchina a raggi X in combinazione con l'uso del contrasto.

Leggi anche: 6 consigli importanti per la donna che vuole rimanere incinta


  • Il paziente giace sulla schiena con le ginocchia piegate (come se stesse prendendo un Pap test).
  • Il contrasto (solitamente a base di iodio) viene inserito all'interno dell'utero inserendo un catetere nella cervice.
  • Poiché i raggi X non attraversano il contrasto, è possibile valutare l'anatomia dell'utero e delle tube.
  • Durante l'esame, il medico spesso chiede al paziente di cambiare posizione, il che aiuta a distribuire meglio il contrasto fornendo maggiori informazioni.
  • Dopo la procedura, il catetere viene rimosso e il paziente può tornare a casa normalmente.

"Il tempo totale della procedura è di circa 20 minuti", afferma Gomes.

Albuquerque sottolinea che il test viene eseguito tra il 7 ° e il 10 ° giorno del ciclo mestruale (contando come primo giorno del ciclo il primo giorno del flusso mestruale). • Viene eseguito un esame ginecologico (simile alla raccolta annuale di esami preventivi), in cui verrà inserita una sonda nella cervice per introdurre il contrasto. Durante l'iniezione del contrasto vengono eseguite diverse radiografie per la documentazione delle immagini ?, aggiunge l'esperto.

Una domanda molto comune riguarda l'uso del contrasto. Molte persone non sono consapevoli di ciò che significa e persino della paura degli effetti collaterali.


Gomes spiega che il contrasto è un liquido che ha la proprietà di non essere attraversato dai raggi X. "L'agente di contrasto comunemente usato è una sostanza solubile in acqua solubile in iodio al 25%, che è ben tollerata ed eliminata dopo 30 minuti", afferma.

Albuquerque sottolinea che gli effetti collaterali sono estremamente rari e sono più comuni nei contrasti iodati come:

Leggi anche: 12 fattori che influenzano la fertilità femminile e che non immaginavi

  • Sensazione di calore nel corpo
  • nausea
  • sudorazione
  • ipotensione
  • Sapore metallico in bocca

"Il rischio di usare contrasti iodati è limitato ai pazienti con allergia allo iodio, alle donne in gravidanza o ai pazienti con IUD", aggiunge Albuquerque.

Gomes sottolinea che in alcuni casi può verificarsi allergia da contrasto. "È essenziale che la paziente riferisca al medico se ha un'allergia allo iodio o ai frutti di mare e dovrebbe tornare dal medico in caso di gonfiore, prurito nella regione genitale, prurito della pelle o mancanza di respiro", avverte.

Assistenza pre e post esame isterosalpingografica

Incontra i prerequisiti per l'esame, secondo i medici:

  • La paziente non può essere incinta (non può esserci né questo sospetto);
  • Il paziente deve essere tra il 7 ° e il 10 ° giorno del ciclo mestruale;
  • Il paziente deve essere in astinenza sessuale due giorni prima dell'esame;
  • Il paziente non deve ancora avere dimissione o perdite vaginali;
  • Il paziente deve essere sicuro di non essere allergico allo iodio.

Preparazione all'esame

Albuquerque spiega che la preparazione all'esame può variare da laboratorio a laboratorio. Tuttavia, di solito viene chiesto:

  • Il digiuno per almeno quattro ore;
  • Astinenza sessuale di due giorni;
  • Non avere flusso mestruale presente;
  • Preparazione intestinale e analgesica 30 minuti prima dell'esame.

Gomes sottolinea che la pulizia dell'intestino può essere necessaria usando lassativi il giorno prima. "Questo è così che gas e feci nella regione pelvica non disturbano la visualizzazione del risultato."

Inoltre, secondo Gomes, è possibile utilizzare antispasmodici e farmaci antinfiammatori per evitare disagi. "È anche importante svuotare la vescica prima di iniziare l'esame", afferma.

Esame post

Albuquerque sottolinea che, come per la preparazione all'esame, le linee guida possono variare in base al laboratorio, ma è generalmente raccomandato:

  • Riposa il giorno dell'esame;
  • Utilizzare antidolorifici se necessario.

Gomes aggiunge che l'astinenza sessuale può essere raccomandata entro 5 giorni dall'esame.

Controindicazioni isterosalpingografiche

Teixeira sottolinea che le principali controindicazioni sono:

  • Infezioni pelviche acute;
  • Allergia a contrasto;
  • Sospetta gravidanza.

Gomes sottolinea che alle donne in gravidanza è vietato sottoporsi al test per il rischio di aborto spontaneo. "I pazienti che hanno avuto una reazione allergica allo iodio durante altri test o che sono allergici ai frutti di mare devono informare il medico che eseguirà la procedura, in modo che vengano prese alcune precauzioni", consiglia.

Rischi di isterosalpingografia

Secondo Albuquerque, il rischio maggiore sarebbe la reazione allergica allo iodio. • In rari casi, l'esame può aggravare un'infezione quando è preesistente. In questo caso, quando il radiologo diagnostica un hydrosalpinx (dilatazione tubarica), si raccomanda che il paziente usi antibiotici dopo l'esame ?, dice.

Teixeira sottolinea che tutte le procedure presentano un certo grado di rischio. "Ma in questo test, i rischi più comuni sono il dolore, emorragie minori e infine qualche cambiamento della pressione sanguigna e molto raramente un'infezione", dice.

Risultati dell'isterosalpingografia

Ma dopo tutto, quali sono i risultati dell'esame? Cosa possono mostrare? L'esperto Albuquerque spiega di seguito:

Analisi dell'utero

Risultati normali: nella normale cavità uterina, c'è una "piegatura" (pieghettato) caratteristica del canale cervicale, una cavità uterina a pareti lisce di forma generalmente triangolare con la base rivolta verso l'alto, come mostrato nel disegno :.

Risultati modificati: All'esame si possono vedere malattie che invadono la cavità uterina, come polipi endometriali, fibromi sottomucosi e aderenze (sinechie) che causano un fallimento del riempimento al momento dell'iniezione del contrasto nella cavità uterina.

A volte possiamo notare un'invasione di contrasto nei muscoli dell'utero, formando discreti accumuli di contrasto. In questo caso, è possibile sospettare l'adenomiosi e, quindi, abbiamo bisogno di più test per raggiungere la diagnosi?, Aggiunge Albuquerque.

• In alterazioni della malformazione uterina, le immagini possono mostrare la presenza di doppia cavità uterina (utero bicornato), grave insufficienza di riempimento che divide la cavità uterina (setto uterino) o persino il disegno di solo metà della cavità uterina (utero unicorno) )? In quest'ultimo caso, dobbiamo cercare un po 'di più, perché potremmo essere di fronte a un cambiamento nella malformazione uterina che può essere accompagnato da un'altra cavità o assenza di un'altra cavità? ”, Sottolinea lo specialista della riproduzione umana.

Analisi tubarica

Risultati normali: un tubo normale appare sull'isterosalpingografia come un'immagine lineare dall'uscita della cavità uterina per circa due terzi della dimensione totale del tubo e quindi una leggera dilatazione (regione ampollare), dove si nota una "piegatura". caratteristica (longitudinale) (pieghettata), seguita da una dilatazione leggermente più grande che precede l'uscita del contrasto alla cavità addominale (infundibolo o fimbria).

"L'importante è che il passaggio del contrasto all'interno della luce dei tubi non venga normalmente interrotto e, il più delle volte, non provochi ritenzione all'interno", spiega Albuquerque.

Alla fine dell'esame, il radiologo esperto attende che il paziente cammini e dopo alcuni minuti ripete l'esame a raggi X per eliminare completamente il contrasto dalla cavità uterina, poiché una volta non c'è più contrasto nella cavità. Nella regione uterina, non c'è più contrasto all'interno delle tube di Falloppio. E così possiamo concludere che i tubi non mantengono il contrasto, quindi sono normali? ”, Aggiunge l'esperto.

Risultati modificati: ostruzioni del passaggio del contrasto rappresentano una lesione della tuba di Falloppio, che può essere dovuta a una procedura chirurgica (legatura delle tube) o al sequel di un processo infettivo.

Nelle sequele delle infezioni delle tube di Falloppio, al di là dell'ostruzione possono apparire vari tipi di immagini, come le dilatazioni maggiori, che mostrano una rottura di? tubi (hydrosalpinx) e significativo restringimento del contrasto emesso dall'infundibolo (parafimosi) ?, dice Albuquerque.

"Piccoli difetti di riempimento nell'istmo delle tube di Falloppio (segmento più sottile) possono rappresentare polipi all'interno, ma sembra che tale malattia non comprometta la fertilità del paziente", spiega l'esperto.

Potremmo notare un'infiltrazione (piccoli diverticoli o noduli) nella parete tubarica nella regione dell'istmo, indicativa di salpingite nodosa, cioè infezione del tubo causata da malattie a trasmissione sessuale come clamidia, gonorrea da neisseria, ureaplasma e micoplasma. come agente causale alla tubercolosi?, evidenzia l'esperto.

"Anche con tubi apparentemente brevettati, possiamo vedere immagini suggestive di infezione come: piegatura tubarica, mancanza di mobilità del tubo durante l'esame (tubi fissi) e sequestro di contrasto moderato in alcune regioni peritubarie", afferma Albuquerque.

Dove fare l'isterosalpingografia

Albuquerque afferma che i laboratori che eseguono esami a raggi X fanno spesso isterosalpingografia. La stragrande maggioranza dei piani sanitari copre l'esame.

Gomes sottolinea che questo esame è generalmente coperto da piani sanitari (per questo, consultare il corriere) ed è disponibile anche in Unified Health System (SUS). "L'esame può essere svolto in laboratorio o addirittura all'interno dell'ospedale secondo le peculiarità del paziente", afferma.

Teixeira spiega anche che l'esame è di solito eseguito da un radiologo con esperienza in malattie ginecologiche.

Domande isterosalpingografiche comuni

Di seguito, i ginecologi consultati chiariscono le principali domande sull'esame:

1. L'isterosalpingografia fa male?

Luiz Eduardo Albuquerque: l'isterosalpingografia non è un esame indolore, tuttavia non è necessaria l'anestesia. Nelle mani di professionisti premurosi che si preoccupano dell'uso dell'attrezzatura giusta, del contrasto preriscaldato e dell'antidolorifico pre-esame, la procedura diventa praticamente indolore. Naturalmente, il dolore è una condizione soggettiva e ogni paziente può riferire più o meno dolore, variando la sua intensità.

Armindo Dias Teixeira: Il test può causare disagio e può essere ridotto al minimo somministrando antidolorifici prima della procedura. È ancora un test che provoca molta paura nelle donne, perché in passato venivano usate cannule rigide e spesse per introdurre il contrasto, che causava molto dolore. Oggi vengono usate cannule flessibili e sottili, ma lo stigma del passato persiste ancora. Fortunatamente la tecnica è meno dolorosa. Un altro punto importante è la tolleranza al dolore che differisce da persona a persona.

2. Qual è il prezzo approssimativo?

Luiz Eduardo Albuquerque: Il prezzo può variare ampiamente, ma dovrebbe aggirarsi intorno ai $ 500.

3. L'isterosalpingografia ti aiuta a rimanere incinta?

Luiz Eduardo Albuquerque: Non possiamo affermare che eseguire l'isterosalpingografia potrebbe aiutare una coppia ad avere figli, perché l'infertilità è spesso multifattoriale, ma alcuni pazienti riportano una gravidanza spontanea dopo l'esame.

Armindo Teixeira: Alcune donne rimangono incinte dopo l'esame. Una probabile spiegazione sarebbe una parziale ostruzione nelle tube di Falloppio con l'iniezione di contrasto.

Rogério Gomes: Non puoi dirlo. È uno strumento per diagnosticare possibili fattori che impediscono alla donna di rimanere incinta e, dai risultati, correggere anomalie uterine o tubulari osservate durante l'esame.

4. Ogni donna che ha difficoltà a rimanere incinta dovrà sottoporsi a isterosalpingografia?

Armindo Teixeira: non necessariamente. Dipende da ciascun caso e dalla segnalazione del paziente di eventuali problemi, ma è senza dubbio un test molto utile nella diagnosi di una serie di problemi che portano a difficoltà a rimanere incinta.

Luiz Eduardo Albuquerque: Se la coppia inizia la ricerca sulla sterilità coniugale, è molto importante richiedere questo test. Se la causa dell'infertilità è già nota e l'indicazione per il trattamento è la fecondazione in vitro, l'isterosalpingografia può essere eliminata, poiché la funzione tubarica non verrà utilizzata perché gli ovociti (uova) saranno fertilizzati in laboratorio e gli embrioni sarà trasferito direttamente nella cavità uterina e fungendo così da tuba.

Testimonianze di coloro che hanno realizzato l'isterosalpingografia

La casalinga Glaucia Teves, 42 anni, afferma di aver cercato di rimanere incinta per oltre un anno, fino a quando il suo medico non ha raccomandato il test. Facendo qualche ricerca sull'argomento ero un po 'spaventato, ma ho deciso di affrontarlo, perché dovevo sapere se avevo un problema con i tubi. Il giorno dell'esame, ho preso antinfiammatorio circa un'ora e mezza prima? Il dottore mi ha rassicurato e ho cercato di rilassarmi il più possibile. A quel tempo, mi sentivo un po 'colico, anche un po' come le mestruazioni e molto veloce?

Ana Maria de Fátima Pereira, una fisioterapista di 38 anni, afferma di aver paura di sostenere l'esame perché pensava che avrebbe fatto molto male.? Ho affrontato le mie paure? Ho sostenuto l'esame a febbraio e, a marzo, ho avuto il mio positivo! Alla fine, l'ho trovato facile? Mi sentivo un po 'colica e niente di più. Sono stato molto ben frequentato dal dottore e dall'infermiera, che mi hanno sempre chiesto se stavo bene. Nel mio caso, ne è valsa la pena l'esame! Il mio medico ha detto che non ho avuto problemi con le mie tube di Falloppio, quindi dovrei avere delle interruzioni? che con l'isterosalpingografia è stato risolto ?, riferisce.

Ora probabilmente hai risposto alle tue principali domande sull'isterosalpingografia. Vale la pena notare che se questo esame è richiesto dal medico, vale la pena lasciare da parte le paure e / o l'ansia ed eseguirlo tranquillamente.

Dopotutto, l'isterosalpingografia è uno strumento importante per diagnosticare possibili fattori che impediscono alla donna di rimanere incinta. E consentirà, dai risultati, di correggere possibili anomalie uterine o tubulari.

Cosa fare per rimanere incinta (Ottobre 2020)


  • Prevenzione e trattamento
  • 1,230