Donne d'ispirazione: Marielle Franco

Molto è stato sentito parlare di Marielle Franco nei giorni scorsi. Assassinato a sangue freddo con quattro colpi di pistola alla testa, la sua voce era silenziosa. Ma ciò che molti non si aspettavano era che la sua voce echeggiasse con l'indignazione di tutti coloro che difendevano e credevano negli stessi ideali per cui aveva combattuto.

Donna, madre, nera, abitante dei bassifondi e difensore delle minoranze, Marielle ha lottato per una società più giusta con meno disuguaglianze. E cosa distingue il tuo omicidio da così tanti che accadono ogni giorno? Ogni morte, ancora più violenta, è un dolore, ma la morte di Marielle significa molto di più, insieme a un corpo e una storia, è morta anche la voce di una resistenza che ha combattuto per tante altre voci.

Traiettoria di Marielle Franco

Marielle è nata nel 1979, a Rio de Janeiro, ed è cresciuta nella favela Maré, una comunità in cui ha iniziato la sua partecipazione politica all'attivismo per i diritti umani.


Nel 2002, si è laureato in Scienze sociali presso la Pontificia Università Cattolica di Rio de Janeiro. Marielle era anche un master in Pubblica Amministrazione della Fluminense Federal University.

La sua carriera in politica è iniziata nel 2006, quando è stata nominata consigliera parlamentare del vice Marcelo Freixo. Successivamente ha assunto il coordinamento della Commissione per la difesa dei diritti umani e della cittadinanza dell'Assemblea legislativa di Rio de Janeiro. Dopo 10 anni, è stata eletta consigliera comunale nella città di Rio de Janeiro ed è entrata a far parte del comitato che ha seguito da vicino l'intervento militare nella città di Rio de Janeiro.

Leggi anche: Inspiring Women: Karen Jonz


banconote

Come consigliera, Marielle ha creato e partecipato a diversi progetti di legge. I più importanti sono la legge sul parto, che promuoverà maggiore dignità, sicurezza e comfort per i residenti nelle aree urbane a bassa densità di traffico; The Owl Space, che mira ad accogliere i bambini di notte, mentre i loro tutori sono fuori casa per lavorare o studiare; e anche il progetto che mira a sensibilizzare sull'aborto, già legalizzato in casi di stupro, rischio di morte della donna incinta o anencefalia del bambino, ma che è ancora scarsamente considerato ed è oggetto di numerosi casi di denunce di violenza ostetrica.

Marielle ha anche faticato a includere giorni per rafforzare cause specifiche nel calendario della città, come il giorno contro l'omofobia, il giorno della visibilità lesbica e il giorno contro l'incarcerazione della gioventù nera.

Il femminismo in pratica

Il femminismo in teoria spesso non raggiunge chi ne ha più bisogno. In una delle sue interviste, Marielle afferma che i tre pilastri della sua campagna sono stati il ​​dibattito di genere, il dibattito sulle razze e la lotta per il miglioramento della città nel suo insieme. Il dibattito di genere a cui si riferisce non è solo nei suoi studi e conversazioni con la comunità accademica e l'élite intellettuale, parlando di termini specifici che è improbabile che siano accessibili ai residenti delle comunità povere che soffrono di violenza domestica, per esempio. Marielle ha proposto di parlare dei posti di assistenza all'infanzia, del posto che queste donne occupano nella favela e della vulnerabilità a cui sono esposte. Credeva che, prima di discutere di questioni più delicate, queste donne dovevano essere potenziate e rese consapevoli dei loro diritti e del peso che hanno all'interno di una società così diseguale e violenta.


? Sopravvivere è la nostra più grande resistenza?

È con queste parole che Marielle riassume tutta la sua lotta. In un video pubblicato sul suo canale YouTube nel 2016, parla del ruolo delle donne che vivono in comunità sottoservite: "La nostra voce spesso messa a tacere dovrà essere ascoltata". La voce di Marielle era calma e non è per caso che ha detto? voce. Marielle resistette fino a quando le forze esterne cessarono di parlare, fu allora che non riuscì più a sopravvivere. Sempre in questo video, afferma di essere la forza perché lo siamo tutti, poiché una lotta è più forte quando più persone le credono.

Cosa puoi imparare da Marielle Franco

1. Lotta per i tuoi diritti

Viviamo in uno stato che, come potrebbe non sembrare, è democratico. Abbiamo il diritto di andare e venire e anche di esprimere le nostre opinioni. Marielle è morta combattendo per i suoi diritti e per i nostri, ma questo non dovrebbe spaventarci.

Leggi anche: Inspiring Women: Rachel Maia

Devi credere che ogni combattimento può ottenere risultati, non importa quanto piccolo. Ogni essere umano è degno di essere ascoltato e rispettato.

2. Combattere per i diritti umani non è sinonimo di? Difendere il bandito?

Propagare che uno dovrebbe essere ucciso non è un'opinione, è un discorso di odio. Marielle ha sostenuto la messa in pratica della Dichiarazione universale dei diritti umani. Difendere i diritti umani non significa andare di pari passo con i criminali, ma significa combattere per poter pagare i loro crimini in condizioni meno precarie.Si sta combattendo per tutti i cittadini di avere uguali diritti, e questo include anche i criminali.

3. La gioventù nera deve essere ascoltata

Secondo la Map of Violence del 2015, il numero di donne di colore uccise tra il 2003 e il 2013 è aumentato del 54%, mentre il numero di esecuzioni di donne bianche è diminuito del 10%. Sappiamo tutti che non è una coincidenza. Non possiamo giudicare una realtà che non viviamo, ma possiamo dare voce a coloro che assistono a questa vita quotidiana di esclusione e violenza.

Un altro fatto scioccante è la percentuale di neri corrispondenti agli omicidi in Brasile. Su ogni 100 persone uccise dalla violenza, 71 sono nere. Questa è una parte della società dimenticata e la morte di questi individui è sempre più banalizzata. Marielle ha lottato per l'uguaglianza e condizioni più eque per queste persone che ogni giorno soffrono per l'abbandono delle politiche pubbliche e una società che vede ancora i neri con occhi prevenuti.

4. La confusione è di tutti noi

Piangiamo sempre e siamo commossi dalla morte della nostra. I nostri amici, i nostri familiari? E sai perché la confusione della morte di Marielle appartiene a tutti noi? Perché lei era la nostra voce. Forse non sapevi nemmeno chi fosse Marielle prima che la notizia della sua esecuzione si diffondesse ovunque. Ma con un po 'di ricerca? e di larghe vedute - puoi dire che Marielle è morta coraggiosamente difendendo tutto ciò di cui abbiamo parlato al tavolo del bar con gli amici o chattando su WhatsApp e poi riprendendo la nostra vita normale. Marielle respirava questa lotta, le sue affermazioni erano ciò che la guidava ogni giorno ed è per questo che la confusione era e doveva anche essere diffusa. Abbiamo bisogno di più persone come Marielle, dobbiamo eleggere più Marielles, creare Marielles, essere più simili a Marielle.

Leggi anche: Inspiring Women: Elza Soares

Ancora una volta, è molto preoccupante scoprire che qualcuno è morto per aver difeso tutto ciò in cui crediamo.

La vida despues de la vida (Completo) Suzanne Powell - Barcelona - 18-7-2011 (Dicembre 2021)


  • Festa della donna
  • 1,230