Anello vaginale: ulteriori informazioni su questo metodo contraccettivo

Home> iStock

L'anello vaginale è un metodo contraccettivo ormonale combinato proprio come la pillola anticoncezionale e, sebbene sia un piccolo oggetto che dovrebbe essere inserito attraverso il canale vaginale, non è un metodo di barriera come il diaframma e il preservativo femminile e maschile.

Come la pillola, l'anello vaginale dipende dalla donna per raggiungere la sua elevata efficacia contraccettiva. Ciò che differenzia l'anello e la pillola è il modo in cui gli ormoni vengono rilasciati e la probabilità di commettere errori durante l'uso. Abbiamo consultato il ginecologo e l'ostetrico dell'ospedale di Porto Alegre das Clínicas, Murilo de Lima Brazan (CRM-SP: 161709), per fornire maggiori dettagli su questo metodo.


Indice dei contenuti:

  • Qual è l'anello vaginale
  • Come usare l'anello vaginale
  • Vantaggi e svantaggi
  • Domande frequenti

Cos'è l'anello vaginale?

L'anello vaginale è un anello in silicone flessibile, trasparente, poroso e non assorbente che non assorbe. La sua forma e le sue dimensioni sono progettate per facilitare l'inserimento nel canale vaginale in quanto deve essere manipolato e inserito dalla donna stessa? hanno un diametro di circa 5 cm e uno spessore di 4 mm.

È un metodo contraccettivo ormonale, nel senso che funziona rilasciando ormoni nel corpo della donna. L'ostetrico e ginecologo Dr. Murilo de Lima Brazan spiega che l'anello è considerato un metodo combinato perché combina l'uso di due ormoni femminili: progesterone ed estrogeno, entrambi presenti nelle formule delle pillole anticoncezionali.


Leggi anche: Come scegliere il miglior contraccettivo

Come funziona l'anello vaginale?

L'anello funziona rilasciando gli ormoni progesterone ed estrogeni direttamente nel flusso sanguigno. Ciò impedisce alla donna di ovulare e aumenta lo spessore del muco cervicale, rendendo difficile l'innalzamento dello sperma. Come la pillola anticoncezionale, l'anello rilascia ormoni per 21 giorni (anche se alcune pillole anticoncezionali possono contenere 24 pillole attive) e chiedono una pausa? che può o non può essere rispettato? 7 giorni, quando la donna rimuove l'anello e lo sostituisce con uno nuovo.

Il Dr. Brazan conferma che indossare l'anello non elimina l'uso del preservativo perché il metodo non impedisce la trasmissione di infezioni a trasmissione sessuale, malattie sessualmente trasmissibili come HIV, HPV, epatite B e C, sifilide, ecc. E afferma che l'anello è raccomandato solo per le donne che hanno avuto rapporti sessuali con penetrazione vaginale, poiché è inserito in modo simile a un tampone interno.


Comprendere come funziona il metodo è il modo migliore per sapere se è il metodo giusto per te. In caso di dubbi, consultare sempre un ginecologo.

Come usare l'anello vaginale?

Per il primo utilizzo si consiglia di istruire un ginecologo sul giorno migliore per inserire l'anello. Per posizionare l'anello basta schiacciarlo tra il pollice e l'indice, formando un'immagine simile a un 8, e inserirlo nel canale vaginale verticalmente fino a raggiungere una regione flessibile e molto sensibile appena sotto la cervice, che impedirà disagi.

L'anello dovrebbe essere in questa posizione per 21 giorni. Dopo questo periodo, deve essere ritirato. La donna ha quindi due opzioni: sostituirla immediatamente con una nuova, inibendo le mestruazioni; o sostituire dopo 7 giorni, creando l'intervallo in cui mestruerà.

Leggi anche: Patch contraccettiva: Comprendi come funziona, i vantaggi e i possibili rischi

L'aspetto dell'anello vaginale è simile a quello del diaframma, ma non confonderlo! Sono metodi completamente diversi. Brazan spiega che il diaframma è un metodo di barriera e agisce impedendo fisicamente il contatto tra sperma e uovo, mentre l'anello agisce chimicamente per prevenire l'ovulazione. Pertanto, anche nel sesso non protetto, la possibilità di fecondazione è molto bassa (0,3%).

Il ginecologo afferma inoltre che non è necessario utilizzare un altro metodo contraccettivo contemporaneamente all'anello vaginale, tranne i preservativi. Poiché è altamente efficace se usato correttamente, non è necessario associarlo a metodi barriera o spermicidi, soprattutto perché l'efficacia degli spermicidi è uno dei più bassi tra i contraccettivi.

Vantaggi e svantaggi

I vantaggi e gli svantaggi dell'utilizzo dell'anello vaginale sono abbastanza simili a quelli di altri metodi ormonali con alcuni differenziali significativi.

vantaggi

  • Controllo del ciclo;
  • Controllo delle coliche;
  • Controllo del volume mestruale;
  • Riduzione dei sintomi della sindrome premestruale;
  • Riduzione dell'oleosità della pelle e dei capelli;
  • Bassa incidenza di spotting? perdite sanguinanti a metà ciclo;
  • Riduzione degli effetti collaterali dell'uso di estrogeni orali? come mal di testa e nausea;
  • Benefico per i pazienti in chirurgia bariatrica, poiché i cambiamenti nel tratto digestivo possono influenzare l'assorbimento dei farmaci orali;
  • Ridotta probabilità di uso improprio poiché l'anello viene inserito una volta al mese e non deve essere sostituito per almeno 21 giorni.

svantaggi

  • Manipolazione vaginale (perché può essere un ostacolo per alcune donne);
  • Aumento della lubrificazione della vagina (può essere scambiato per scarico).
  • Domande frequenti sull'anello vaginale

    Quando abbiamo a che fare con il rilascio di ormoni nel nostro corpo, dobbiamo essere attenti e attenti, poiché sia ​​la mancanza che l'eccesso di ormoni sono dannosi. In questo processo è normale che sorgano dubbi. Chiediamo l'aiuto del Dr. Murilo Brazan per rispondere alle domande più frequenti:

    1. A chi è controindicato l'anello vaginale? Per le donne con una storia di trombosi venosa profonda, embolia polmonare, infarto, ictus, diabete e ipertensione non controllati, donne con carcinoma mammario o di età superiore a 35 anni, fumatori o con gravi patologie epatiche, donne in gravidanza e donne che hanno uso di farmaci anticonvulsivanti.

    Leggi anche: Iniezione di contraccettivi: Comprendi come funziona il metodo e fai domande

    2. Ci sono effetti collaterali? Gli effetti collaterali sono simili a quelli della pillola anticoncezionale in quanto usano gli stessi ormoni di: mal di testa, riduzione della libido, dolori di pancia e nausea e una maggiore incidenza di infezioni vaginali.

    3. L'anello vaginale può essere indossato durante l'allattamento? Vi sono ancora molte controversie nella comunità medica a questo proposito, quindi fino a quando gli studi confermano che non vi è alcun rischio, non è consigliabile utilizzare metodi contraccettivi ormonali combinati per almeno 6 mesi durante l'allattamento. Tuttavia, anche senza l'allattamento al seno, alle donne dovrebbe essere consentito un minimo di 42 giorni per riprendere il trattamento contraccettivo per ridurre il rischio di problemi vascolari.

    4. Come rimuovere l'anello vaginale? Basta tenere il cerchione con una o due dita e tirarlo.

    5. Quanto è efficace l'anello vaginale? Se usato correttamente, la sua efficacia è del 99,7%.

    6. L'anello vaginale può essere indossato durante il sesso? Sì! L'anello si trova appena sotto la cervice, quindi non interferisce con l'atto sessuale.

    Leggi anche: IUD: fai domande e scopri se è adatto a te

    Ricorda che è essenziale seguire un ginecologo durante il trattamento con i contraccettivi, in particolare gli ormoni. Ogni corpo è diverso, quindi ogni volta che ne senti la necessità, consulta uno specialista. Insistere nel trovare il metodo migliore per te, è in gioco la tua salute.

    Il pillolo, l’anticoncezionale per uomo: superati i primi test (Agosto 2020)


  • Benessere, prevenzione e trattamento
  • 1,230