Le bevande alcoliche possono essere più efficaci di alcuni farmaci antidolorifici

Sai quando ti svegli dopo una notte con qualche sorso e scopri che il tuo corpo è pieno di misteriosi segni viola che non sai da dove vengono? Se sospetti di non aver nemmeno sentito i colpi perché eri un po ' modificato, sappi che probabilmente hai ragione.

Questo potrebbe non essere nuovo per coloro che hanno sempre il bicchiere in mano, ma il fatto è che un sondaggio condotto nel Regno Unito l'anno scorso ha mostrato che esiste effettivamente una relazione tra consumo di alcol e sollievo dal dolore.

Tuttavia, ti avvertiamo ora: esagerare con le bevande per curare qualsiasi tipo di dolore farà più male che bene, combinato?


La birra è meglio dell'acetaminofene? Non proprio


Lo studio condotto dal Dr. Trevor Thompson ha esaminato 18 precedenti sondaggi condotti su 404 partecipanti e ha scoperto che esistono forti prove che l'alcol aumenta la soglia del dolore e diminuisce la percezione dell'intensità del dolore, rendendoci più tolleranti a questa sensazione.

Secondo le dichiarazioni del Dr. Thompson all'Università di Greenwich, una concentrazione di alcol nel sangue dello 0,08%? risultato del consumo di circa 1 litro di birra o di due bicchieri medi di vino? porterebbe ad una riduzione del dolore del 24%.

Leggi anche: Il vino ti aiuta a perdere peso: mito o verità?


Questo effetto sembra essere simile a quello dei farmaci oppioidi (derivati ​​della morfina), come la codeina, e superiore al paracetamolo, come ha commentato il ricercatore a The Sun. Tuttavia, lo stesso Dr. Thomson sottolinea che un confronto diretto non è ancora possibile. tra alcol e droghe analgesiche a causa delle limitazioni degli studi disponibili.

Un altro aspetto di questo effetto dell'alcol che non è ancora del tutto compreso è il suo meccanismo d'azione. Un'ipotesi è che agisce sugli stessi recettori attivati ​​da sostanze come la ketamina, un farmaco usato per trattare il dolore cronico e come anestetico, che può causare allucinazioni in quest'ultimo caso. Un'altra ipotesi è che l'alcol allevia il dolore semplicemente perché riduce l'ansia.

Nessun uso del dolore per giustificare l'ubriachezza

Come ben sapete, l'alcol ha una serie di effetti dannosi sulla salute della persona che lo consuma e sul benessere della società che lo circonda. Pertanto, lo scopo della ricerca non è quello di legittimare l'assunzione di alcol come forma di trattamento del dolore.


Invece, gli scienziati sperano che in futuro sarà possibile isolare i componenti analgesici chiave per produrre nuovi farmaci antidolorifici ancora più potenti, ma senza causare gli effetti tossici e dannosi dell'alcol.

Inoltre, come spiega lo stesso Dr. Thompson, il volume di alcol necessario per alleviare costantemente questa sensazione a lungo termine è già sufficiente per compromettere la salute del paziente. Questo perché questa quantità di alcol supera i valori stabiliti dall'OMS per un consumo moderato (circa 660 ml di birra o 200 ml di vino al giorno, massimo 5 volte a settimana).

Leggi anche: 7 bevande alcoliche dannose per la pelle

Lo studio ipotizza inoltre che l'effetto analgesico dell'alcol possa spiegare l'aumento del rischio di dipendenza tra le persone che soffrono di dolore cronico, attirando l'attenzione sulla necessità di offrire alternative terapeutiche meno dannose per la salute.

Quindi, se la tua idea era quella di chiedere un'altra caipirinha perché hai qualche tipo di dolore, sappi che l'opzione migliore è ancora quella di cercare un aiuto medico per trovare una soluzione al problema senza tanti effetti collaterali.

Come trattare le emorroidi (Agosto 2020)


  • benessere
  • 1,230