Le donne che combattono

Sei passivo nella tua vita quotidiana o reagisci?

Sono un praticante di Krav Maga, il arte israeliana di autodifesa. E iniziare a esercitare è stata una delle migliori decisioni manageriali della mia vita. Ma in che modo l'apprendimento dell'autodifesa mi ha reso un dirigente meglio preparato?


La prima cosa che ho scoperto è stata più di autodifesa, muscoli e buona forma fisica, Krav Maga mi ha mostrato una nuova visione del mondo.

Dall'allenamento, ho attraversato un processo di evoluzione personaledove la mia motivazione era quella di combattere i miei nemici interiori e superare i miei limiti. Il primo passo è difendere te stesso e le credenze e i valori che ostacolano la tua evoluzione.

Nel mondo aziendale, la maggior parte delle persone pensa di non progredire nella propria carriera a causa della persecuzione del capo, della società sfruttatrice o del fatto che il mondo è un pozzo di ingiustizia.


Non vedo quasi gente dire che non sono cresciuti perché non sono diventati abbastanza bravi, perché non hanno provato abbastanza o semplicemente perché non se lo meritavano. C'è sempre un nemico esterno, ma la grande verità è che la maggior parte dei fattori limitanti sono dentro di noi.

in autodifesa, non dobbiamo combattere l'un l'altro, ciò che conta è essere preparati se la minaccia diventa reale. Ogni giorno cerchiamo di essere migliori e il superamento è personale.

Dal momento in cui ho iniziato ad osservare i miei limiti e il conseguente superamento fisico e mentale, sono diventato più competitivo. L'evoluzione personale mi ha fatto credere di poter andare oltre, portando sicurezza e coraggio a nuove sfide. Sono addestrato ad agire con risposte semplici, rapide e obiettive. E questo è alla portata di tutti.


Vorrei riassumere i vantaggi dei professionisti che praticano l'autodifesa in base quattro pilastri della preparazione spirituale e mentale:

coraggio

il paura di per sé non è un problema, è un istinto di avvertimento. Il problema è quello che facciamo prima. Non dobbiamo vivere paralizzati. Ci sono minacce che, sebbene possibili, non si materializzeranno mai e altre che diventano reali quando meno ci aspettiamo che siano inevitabili.

Accadendo o no, il coraggio deriva dalla decisione di essere preparati, è un atteggiamento che comporta rischi, iniziativa e forza per affrontare gli ostacoli.

Ma il coraggio impreparato è pazzo. su Krav Maga, il coraggio è la decisione di rinunciare alla passività. Ma per essere coraggiosi, ci vuole sforzo e audacia, perché se la minaccia diventa reale, devi essere pronto ad agire.

Nel mondo degli affari, alcune carriere muoiono prematuramente perché le persone confondono il coraggio con la "faccia di legno". Il coraggio è essere consapevoli di un ostacolo e decidere di superarlo conoscendo le armi che hai. Già la "faccia di legno" è l'atteggiamento insignificante di dire che puoi fare qualcosa senza avere alcuna condizione per questo.

Nota le persone che hanno rischiato di fare grandi cose senza avere nulla in mano o il loro curriculum e tuttavia hanno vinto. Erano coraggiosi, sapendo di avere il talento, l'ottimismo, la spinta e la strategia per raggiungere i loro obiettivi. Ora pensa a quel ragazzo prepotente che ha venduto un discorso per poter svolgere un lavoro importante ed è stato licenziato prima che avesse sei mesi; questa è "faccia di legno".

Pertanto, il successo nel mondo aziendale può essere nel saper differenziare ciò che è? faccia di legno? e cos'è veramente il coraggio.

Equilibrio emotivo

Questo pilastro è fondamentale per il controllo e la capacità di prendere la decisione migliore di fronte al pericolo reale. Conosco persone molto intelligenti e con un QI elevato che non riescono a decollare nella loro carriera perché non ce l'hanno equilibrio emotivo.

Queste persone vivono paralizzate. Hanno titoli, qualifiche e potenzialità, ma non possono agire e reagire nel momento giusto. Senza il equilibrio emotivo Abbiamo difficoltà a relazionarci con gli altri e siamo vulnerabili a una minaccia perché la nostra ragione è bloccata nel momento in cui ne abbiamo maggiormente bisogno.

È al momento della minaccia, sia professionale che personale, che dobbiamo agire con equilibrio e tranquillità. E la tranquillità può nascere solo se pensi, calcoli e ti prepari a difenderti efficacemente, sia da un colpo di stato personale che aziendale.

pazienza

Al Krav Maga, ho imparato che il più grande alleato del fallimento personale è il immediatezza. Viviamo nell'era del fast food e creiamo un falso senso che tutto può essere fatto immediatamente, senza lo sforzo e la maturità.

Vogliamo tutto troppo in fretta, e questa velocità può renderci come i frutti che mettiamo sul giornale per accelerare la maturazione, e alla fine marciscono e diventano amari senza aver raggiunto l'altezza della pienezza e della maturità.

Dobbiamo cambiare il nostro atteggiamento nei confronti del nostro tempo e della nostra disciplina. Ci vuole disciplina e costanza e sapere che possiamo raccogliere solo ciò che era stato piantato una volta.L'immediatezza può uccidere carriere, aziende e persino persone. Dobbiamo analizzare se viviamo solo a breve termine.

Nel tempo, la costanza non significa lentezza o mancanza di iniziativa. Le truffe di autodifesa sono rapide e precise, ma devi allenarti duramente e qualificarti sempre affinché si esibiscano con successo al momento giusto.

rispetto

Il rispetto è una parola così parlata, così richiesta, ma confesso di aver imparato il suo vero significato non molto tempo fa. Come direttore esecutivo, nella mia valutazione dei principi, ho sempre sottoperformato e non capivo perché.

Ho iniziato a dire buongiorno, buon pomeriggio, ho migliorato le mie maniere e con mia sorpresa ero ancora nella lanterna. Fino al giorno in cui un amico mi ha dato un feedback onesto. Mi disse che non onoravo alcuni compagni e che spesso li investiva di fronte a tutti e che era una mancanza di rispetto.

Per me è stato uno shock! Non ho mai avuto intenzione di fare una cosa del genere, volevo solo essere obiettivo, ma non importa, se ho fatto quell'impressione, aveva ragione.

Quando venne in mente la parola onore, mi venne in mente che prima di iniziare e terminare un allenamento ci rivolgevamo al consiglio di amministrazione di Imi Lichtenfeld (fondatore del Krav Maga) e ci inchinavamo sempre.

Ho iniziato a chiedermi perché questo atto. Sto solo sviluppando e imparando a difendermi, perché un giorno un uomo era disposto a dedicare la sua vita allo sviluppo di tale arte. Dobbiamo onorare la storia delle persone che in qualche modo hanno spianato la nostra strada. Lasciateli essere imprenditori, registi, servitori. In qualche modo si sono dedicati e si sono fatti strada.

Nelle aziende, dimentichiamo questo modo di rispetto. Siamo sempre disposti a criticare, denigrare e non onorare i nostri leader o compagni, e questo molto spesso nel tentativo di compensare la nostra incompetenza e mediocrità. Questa è mancanza di rispetto. Dobbiamo sapere come differenziare i buoni modi di rispetto nelle aziende e nelle nostre relazioni.

Concludo questo articolo con le parole del Maestro Kobi, l'uomo a cui è stata data la missione di introdurre il Krav Maga in America Latina e che incoraggia tutti i lettori: "Il sentimento creato dalla fiducia in se stessi è liberatorio e deriva dal presupposto che ognuno è nato con gli stessi strumenti, e quindi non è necessario sottomettersi o essere sottoposti per ottenere rispetto"..

Non scherzare con le ragazze del KungFu (Gennaio 2022)


  • Carriera e finanza
  • 1,230